skip to Main Content

Domande e risposte

Come si ottengono 1.000 l di olio di paraffina da 1.000 kg di plastica?

Il peso specifico dell’olio di paraffina da noi prodotto è di 0,89 g/ml. Ciò significa che da 1.000 kg di rifiuti plastici produciamo 890 kg di olio di paraffina, corrispondenti a loro volta a 1.000 l.

Cos’è l’olio di paraffina e per quale finalità viene utilizzato da ENESPA AG?

L’olio di paraffina è costituito da idrocarburi, anche detti alcani, costituiti esclusivamente dagli elementi carbonio (C) e idrogeno (H). La formula generale è CnH2n+2. A seconda della lunghezza delle molecole si formano varie sostanze. Nel caso di molecole corte (propano) fino a esadecano per olio combustibile o lubrificante.
Gli alcani (paraffine) sono sostanze di base importanti per l’industria chimica, che vengono ulteriormente lavorate, ad es. per ottenere plastiche o combustibili.

In quaità di riciclatori di plastica, forniamo la nostra paraffina (alcani) all’industria della plastica, realizzando così per la prima volta l’economia circolare per rifiuti plastici misti. Dal nostro olio di paraffina di alta qualità le raffinerie producono granulato di plastica. Questo può poi essere riutilizzato per la produzione di prodotti di plastica nuovi, che completano l’economia circolare.

Il prezzo di vendita del nostro olio di paraffina dipende dalla sua composizione (lunghezza della catena delle molecole). La regolazione di precisione dell’impianto ci consente di ottimizzare i nostri rendimenti.

Cosa ci distingue da altre aziende che hanno già fatto la stessa cosa?

Esistevano ed esistono diverse imprese che hanno sviluppato o stanno sviluppando impianti per riciclare rifiuti plastici misti con il processo di termolisi. Di fatto la produzione con questo procedimento non viene ancora effettuata in modo costante.

E questo per svariati motivi:

  • Negli impianti progettati fino ad ora, il bilancio energetico non tornava. I nuovi moduli di Biofabrik sono i primi impianti in cui il bilancio energetico è positivo e in cui il procedimento risulta quindi economico
  • Sono stati progettati e costruiti impianti di grandi dimensioni, che non possono mai produrre a lungo a causa di guasti costanti
  • Le aziende sono in fase di sviluppo
  • Non erano disponibili risorse finanziarie sufficienti a risolvere i problemi individuati
  • Controversie tra i partner

Acquistando gli impianti, abbiamo esternalizzato il rischio dello sviluppo di impianti a Biofabrik Technologies GmbH. Biofabrik ha dimostrato di padroneggiare il processo di termolisi e disporre di ingegneri leader e partner per lo sviluppo di tali impianti. La modularità dei sistemi garantisce un funzionamento continuo. Il titolare di Biofabrik Technologies GmbH è membro del Consiglio di Amministrazione di ENESPA AG, così da creare il legame tra tecnologia ed ENESPA AG.

Rischi correlati all’acquisto di azioni ENESPA

Non esistono investimenti privi di rischi. Si tratta solo di capire quale sia l’entità del rischio. A tal proposito, ecco alcuni fatti:

  • acquistando gli impianti di termolisi pronti all’uso di Biofabrik, non sussiste più il rischio legato allo sviluppo dell’impianto.
  • Il prototipo è stato testato con successo per un periodo prolungato.
  • Metteremo in funzione il primo impianto industriale a livello internazionale.
  • Per quanto riguarda l’accettazione dei rifiuti plastici e la vendita dell’olio di paraffina, sono già stati stipulati contratti con grandi aziende. I nostri calcoli si basano su questi prezzi.
  • La sede di Schwarze Pumpe è il luogo ideale per realizzare un progetto simile. Dispone di un’infrastruttura completamente sviluppata. Esistono numerose possibilità di ottenere finanziamenti statali e il mercato del lavoro locale ci viene incontro. Per risolvere eventuali controversie politiche sul prezzo del petrolio, abbiamo richiesto la certificazione del nostro olio di paraffina. Così, il nostro prodotto finale viene classificato come cosiddetta sostanza “rinnovabile” e possiamo ottenere prezzi notevolmente superiori.

Vantaggi derivanti dalla partnership con il costruttore dell’impianto

Grazie all’investimento nella produzione di impianti finiti, possiamo azzerare i rischi di uno sviluppo in-house e risparmiare inoltre tempo e denaro. Unitamente all’esperienza attuale in fatto di autorizzazione del sito, controllo della compatibilità ambientale e delle materie prime, ora possiamo iniziare direttamente l’attività del riciclo della plastica.

Quali sono i vantaggi di ENESPA AG rispetto ai concorrenti?

Far funzionare un impianto di riciclo per rifiuti plastici misti avvalendosi della termolisi non è un’operazione semplice. ENESPA AG conosce ormai tutti gli ostacoli e i problemi tecnici. Abbiamo una certa esperienza anche con l’autorizzazione del sito e i controlli di compatibilità ambientale.
Saremo sempre tra le prime aziende in grado di far funzionare tali impianti con profitto. Il nostro vantaggio è dato dal know-how, dal progetto dell’impianto e dalla partnership con un rinomato costruttore d’impianti. Inoltre, la domanda per un’economia circolare completa nel caso di rifiuti plastici misti è molto elevata.

Quanto tempo ci vorrà perché ENESPA AG ottenga degli utili?

Come previsto, saremo in attivo già con il primo impianto. Richieda la brochure investitori con tutti i dettagli.

E per quanto riguarda l’impronta di CO₂ causata dal funzionamento dell’impianto?

Durante la distillazione della massa di plastica riscaldata, si forma anche gas (dal 5% al 15% nel bilancio dei materiali) che, per ragioni fisiche, non può essere utilizzato per il processo di riciclo. Questo gas non viene bruciato come di consueto, bensì utilizzato per il funzionamento dell’impianto. Qui, durante il funzionamento del generatore, si produce CO2. Ma non c’è paragone con le emissioni di CO2 che si formano durante la combustione convenzionale del rifiuto plastico completo. Trova il grafico sul bilancio dei materiali qui.

La combustione di rifiuti plastici nell’impianto di incenerimento dei rifiuti per la produzione di calore non è più opportuna

Per ridurre la nostra impronta ecologica di inquinamento ambientale a un valore sostenibile, l’economia circolare è indispensabile per tutte le materie prime. L’olio di paraffina da noi riciclato viene reiimmesso completamente nella produzione della plastica. Dal punto di vista dell’inquinamento da CO₂, è opportuna un’economia circolare completa per rifiuti plastici (la combustione di 1 kg di plastica mista rilascia 2,83 kg di CO₂). Fonte: Prof. Kleinstein, Berna: La termolisi è un processo che consente di preservare la valenza dei rifiuti plastici misti.

Documenti dettagliati per gli investitori

Desidero ricevere documenti su






Per i nostri figli:
investire in modo ecologicamente ed economicamente
opportuno

A partire dal primo impianto, ENESPA AG conseguirà sicuramente un flusso di cassa positivo. Grazie al funzionamento parallelo di svariati impianti, i ricavi aumentano a dismisura e, di conseguenza, anche il valore d’impresa. La domanda per questa tecnologia è di proporzioni enormi. Al momento vi sono 18 siti in Germania che hanno mostrato interesse nel funzionamento di un impianto.

Molti siti in Germania hanno mostrato interesse per l’attività degli impianti di riciclo. Metteremo in funzione il primo impianto lì dove troveremo i presupposti migliori. Grazie alla mobilità degli impianti, siamo flessibili per quanto riguarda la sede. L’ente di promozione dello sviluppo economico del parco industriale “Schwarze Pumpe” nello Spreetal si mostra molto interessato al progetto ENESPA. Sulla base di una verifica approfondita, la banca finanziatrice di competenza ha ritenuto che il progetto possa beneficiare delle sovvenzioni. Una volta conclusa la procedura di autorizzazione, il progetto verrà sovvenzionato dalla banca finanziatrice.

Come obiettivo si prevede che il primo impianto da 8.000 kg/giorno nel parco industriale venga messo in funzione entro la fine del 2021. Non appena l'impianto funzionerà stabilmente, ENESPA costruirà altri dieci impianti e crescerà passo dopo passo fino ad arrivare a quaranta impianti. I dieci impianti saranno pienamente operativi entro la fine del 2022.

Back To Top