skip to Main Content

Piani di costruzione pronti per la produzione

I piani di costruzione per il primo modulo di riciclo sono pronti per la costruzione dell’impianto. Il modulo tratta 1.000 kg/giorno di rifiuti plastici misti per ottenere la materia prima olio di paraffina. Otto di questi moduli formano un impianto di produzione con container da 40 piedi che sarà messo in funzione nell’autunno del 2021.

All’inizio di maggio, gli ingegneri di Biofabrik e Nürmont hanno presentato i piani di costruzione finiti per il nuovo modulo da 1000 kg/giorno.
Il modulo più piccolo da 250 kg/giorno verrà messo in funzione a fine aprile. Grazie alla cauta scalabilità e una volta concluse le simulazioni CAD relativa a flussi, pressione e calore, è garantito che il nuovo modulo pronto per la produzione in serie possa essere realizzato su scala industriale.

Modulo di termolisi per riciclo della plastica

Con un trasportatore a coclea, la materia prima viene pressata nell’impianto in ambiente privo di ossigeno e riscaldata nel  reattore. Controllando velocità di alimentazione e calore dei moduli di riscaldamento, è possibile controllare anche calore e pressione nel reattore.
Fino all’unità di espansione, la plastica viene sottoposta a cracking in molecole piuttosto piccole. Qui il materiale è allo stato gassoso a una temperatura di circa 450° Celsius. Mediante l’unità a espansione, la materia prima sottoposta a cracking viene poi mandata verso il circuito ad alta temperatura e poi a quello a bassa temperatura, dove avviene la distillazione per ottenere olio di paraffina. L’impianto separa la sostanza residua, il coke, nell’unità di espansione. Anche il coke è una materia prima di alta qualità che viene venduta.

L’amministratore delegato Cyrill Hugi: “Questa cauta scalabilità ci consentità di ridurre al minimo i rischi. Con 8 moduli ciascuno da 1000 kg/giorno, installeremo e azioneremo un’unità-impianto con un container da 40 piedi. Ciò garantisce un funzionamento continuo, anche nel caso in cui si debba riparare un’unità. Lo stesso concetto viene utilizzato in molti impianti industriali e ambienti server”.

Nelle prossime settimane Nürmont inizierà la costruzione del primo modulo, che verrà testato e consegnato a luglio. Una volta ultimate tutte le prove, saranno prodotti gli altri 7 moduli per il primo impianto che saranno pronti per l’impiego verso la metà del 2021.

Parallelamente alla costruzione dei moduli, ENESPA sviluppa con i suoi partner l’infrastruttura necessaria, ovvero sistemi di alimentazione per la materia prima e sistemi di scarico per lo stoccaggio e lo scarico del prodotto finale, nonché capannoni di produzione.

Altri articoli di notizie

Documenti per investitori

Desidero ricevere documenti su






Per i nostri figli:
investire in modo ecologicamente ed economicamente
opportuno

A partire dal primo impianto, ENESPA AG conseguirà sicuramente un flusso di cassa positivo. Grazie al funzionamento parallelo di svariati impianti, i ricavi aumentano a dismisura e, di conseguenza, anche il valore d’impresa. La domanda per questa tecnologia è di proporzioni enormi. Al momento vi sono 18 siti in Germania che hanno mostrato interesse nel funzionamento di un impianto.

L’ente di promozione dello sviluppo economico del parco industriale “Schwarze Pumpe” si è mostrato molto interessato al progetto ENESPA. Sulla base di una verifica approfondita, la banca finanziatrice di competenza ha ritenuto che il progetto possa beneficiare delle sovvenzioni. Una volta conclusa la procedura di autorizzazione, il progetto verrà sovvenzionato dalla banca finanziatrice. La procedura di approvazione è in fase di elaborazione. (Aggiornato a luglio 2020)

Come obiettivo si prevede che il primo impianto da 5.000 kg/giorno nel parco industriale venga messo in funzione entro la fine del 2020. Non appena l'impianto funzionerà stabilmente, ENESPA costruirà altri dieci impianti e crescerà passo dopo passo fino ad arrivare a quaranta impianti. I dieci impianti saranno pienamente operativi entro la fine del 2021.

Back To Top